Camicie in lavatrice come ottenere un risultato impeccabile

Camicie in lavatrice come ottenere un risultato impeccabile

Camicie in lavatrice o abiti, indumenti intimi e jeans in lavatrice e ottenere una pulizia impeccabile è un’aspirazione di molti.

Per riuscire in questa sorta di impresa, non basta aumentare il numero di lavaggi settimanali o puntare unicamente sulla qualità del proprio elettrodomestico.
Affinché il bucato sia come nuovo e profumato è necessario impiegare, a seconda dei capi, ingenti quantitativi di detergenti, additivi e ammorbidenti.

Occorre, inoltre, selezionare e avviare diversi cicli di lavaggio.

Tutte queste operazioni, quasi sempre, si traducono in un dispendio di energia, tempo e prodotti. A farne le spese sono l’ambiente e il portafogli.

Le camicie in lavatrice

Inserire e lavare le camicie in lavatrice non è così semplice e richiede una serie di passaggi da seguire.

Come ci si deve muovere in determinati casi?

Scopriamo insieme le fasi che compongono la procedura.

  • Dunque, si prosegue verificando l’etichetta. La maggior parte dei capi può essere tranquillamente lavata in lavatrice, ma non mancano le eccezioni corrispondenti ad un lavaggio a mano.
  • Se le camicie sono caratterizzate da alcuni piccoli aloni o macchie, basta posizionare sulla parte danneggiata il sapone di Marsiglia e strofinare con tutta la delicatezza possibile.
  • Ora bisogna accendere la lavatrice ad una temperatura di circa 30-40 gradi, applicando un programma delicato. Se si sceglie di inserire la centrifuga, bisogna appendere i panni sulle loro rispettive grucce. In caso contrario, vanno appesi senza neanche strizzarli.
  • Infine, non si deve fare altro che attendere la loro definitiva asciugatura.

 

Come lavare le camicie in lavatrice in modo gratificante e senza sprechi?

Un metodo esiste ed è rappresentato dall’uso di un ozonizzatore per bucato quale “IGENIAL”.

Camicie in lavatrice: perché usare un ozonizzatore?

Un ozonizzatore per bucato come “IGENIAL” altro non è che un generatore di ozono, collegabile alla lavatrice, il quale è in grado di trasformare l’acqua fredda in un potente detergente ed igienizzante.

Un simile dispositivo consente di ottenere:

  • ottenere un bucato totalmente naturale, riducendo o evitando il consumo di detersivi, ammorbidenti, additivi e candeggina;
  • lavare capi bianchi e colorati insieme;
  • lavare (ed igienizzare) in lavatrice, senza fatica, capi come camicie e jeans;
  • risparmiare energia e conquistare un pulito impeccabile anche con avaggi brevi e basse temperature;
  • eliminare dai vestiti fastidiosi odori;
  • ottenere capi meno sgualciti dopo l’asciugatura (fermo restando che occorre prestare attenzione anche alla maniera di stendere il bucato).

Vediamo, ora, in che modo un generatore di ozono quale “IGENIAL” ottimizza bucato e cicli di lavaggio.

camicie in lavatrice perchè usare un ozonizzatore

Camicie in lavatrice e vestiti vari, come eseguire un bucato misto

Camicie inserite in lavatrice, in origine bianco latte, che diventano di un colore rosa chiaro.

Pantaloni rossi, lavati insieme ad un paio di jeans, macchiati di blu.
Capita, almeno una volta nella vita, di imbattersi in incidenti di questo tipo. Avviare un ciclo di lavaggio, con capi bianchi e colorati insieme, è sempre un rischio. Specie se vengono introdotti in lavatrice abiti nuovi dai colori intensi e sgargianti.

Il buon senso, si sa, suggerisce di dividere i panni e di separare il bucato bianco da quello colorato.

Ma ciò implica il dover ispezionare attentamente la cesta dei vestiti sporchi per individuare quelli che possono essere lavati in uno stesso ciclo.

I minuti persi allora si accumulano, così come gli indumenti sporchi che attendono di essere caricati in lavatrice con altri del medesimo colore.

Come lavare, quindi, capi bianchi e colorati insieme?

Per limitare i danni provocati dall’inserimento in lavatrice di panni bianchi e colorati insieme, si può ricorrere all’uso di fogli acchiappa colore i quali assorbono parte della tinta rilasciata dagli stessi capi durante il lavaggio. Tuttavia, questi fogli in microfibra non sempre assolvono perfettamente la loro funzione: a ciclo concluso, non è inusuale ritrovarsi di fronte a spiacevoli sorprese.
L’unico sistema che garantisce un perfetto bucato misto è il lavaggio con ozono.

Usando un ozonizzatore quale “IGENIAL”, è possibile effettuare lavaggi rapidi e a basse temperature, sfruttando tutto il potere dell’ossigeno attivo (l’ozono infatti si converte in ossigeno pochi minuti dopo il suo impiego): grazie a quest’ultimo i colori non vengono via dai capi. Anzi gli indumenti escono dalla lavatrice addirittura rinvigoriti.

camicie in lavatrice facendo un bucato misto

Come igienizzare le camicie in lavatrice

Molto spesso, i ritmi frenetici della quotidianità non concedono il tempo sufficiente per eseguire un corretto lavaggio di indumenti delicati quali le camicie, le quali dovrebbero essere separate dagli altri panni.
Si tende, quindi, a fare un unico lavaggio, introducendo in lavatrice il maggior numero possibile di capi.

Tuttavia, anche se i minuti a disposizione scarseggiano, è importante capire il giusto modo di lavare le camicie sia per averle sempre perfettamente pulite sia per preservarle dall’usura.

È fondamentale, allora, mettere in atto una serie di accorgimenti, ovvero:

  • leggere con attenzione l’etichetta della camicia su cui sono riportate informazioni circa il tipo di lavaggio da svolgere (a mano o in lavatrice) e la temperatura dell’acqua da selezionare;
  • verificare la presenza di eventuali macchie sulla camicia (sudore, trucco o grasso);
  • rimuovere le macchie dalla camicia. A tal fine, occorre sfregarla lievemente con un pre-trattante o con una miscela di acqua tiepida e sapone di Marsiglia;
  • se l’etichetta lo consente, inserire la camicia in lavatrice abbottonata e al rovescio. Questa operazione è necessaria per evitare che residui di detergente possano rimanere sul tessuto;
  • selezionare un ciclo di lavaggio rapido con una centrifuga a ridotto numero di giri;
  • selezionare una temperatura non elevata. Di norma i tessuti sintetici vanno lavati a 30°, mentre le camicie in cotone a 40°.

Questi, dunque, i suggerimenti per ottenere una buona pulizia delle camicie attraverso un normale lavaggio in lavatrice.

Ma come è possibile igienizzare a fondo le camicie messe in lavatrice?

Anche in questo caso, la soluzione è data dall’ossigeno attivo: un lavaggio con ozono e acqua fredda, della durata di soli 30 minuti, è in grado di assicurare una disinfezione completa delle camicie, lasciando su queste ultime una gradevole sensazione di fresco.

igienizzare le camicie in lavatrice

Camicie in lavatrice: come eliminare sudore e odori

Camicie lavate in lavatrice che emanano fastidiosi odori e presentano ancora chiazze di sudore: anche questo è un inconveniente abbastanza comune.

Come si può ovviare al problema del sudore e macchie sulle camicie?

Si può pensare di esporre le camicie in questione all’aria aperta o di riporle in un luogo freddo dopo averle infilate in sacchetti ermetici.

Oppure si può sfregarle con del bicarbonato.

In realtà, nessuno dei metodi fai da te menzionati, consente di eliminare efficacemente il sudore dai vestiti.

L’ideale è ricorrere, dunque, a un lavaggio con ozono: le molecole di ozono, infatti, non solo rimuovono le macchie di sudore, ma sono in grado di neutralizzare totalmente le particelle che causano cattivi odori.

come eliminare il sudore dalle camicie in lavatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *