come svolgere i lavaggi in lavatrice

I lavaggi lavatrice, come devono essere svolti

La lavatrice è uno strumento che ha rivoluzionato il modo di gestire il bucato, con la possibilità di avere panni puliti, lavati e senza macchie.

Uno strumento semplice e funzionale, ma che per effettuare i lavaggi lavatrice nel modo più efficace, possono essere utili una serie di consigli.

Lavaggi lavatrice, conoscere lo strumento

La lavatrice si compone di un corpo centrale, e del tipico oblò attraverso cui introdurre i panni.

Sono presenti una serie di pulsanti e di manopole, le cui funzioni sono indispensabili per eseguire i lavaggi in lavatrice.

Quasi sempre nella parte alta a sinistra, è posizionato un cassettino, all’interno del quale sarà possibile introdurre diverse tipologie di detersivi e di ammorbidenti, in base al lavaggio da eseguire.

La lavatrice viene gestita da una serie di comandi che, in base al modello, possono funzionare in maniera meccanica o digitale.

Alcune considerazioni preliminari per i lavaggi in lavatrice

Prima di procedere con i lavaggi in lavatrice, sarà importante eseguire una serie di azioni al fine di ottenere un risultato perfetto.

Infatti fare il bucato con questo elettrodomestico è semplicissimo, ma si dovrà fare attenzione ad alcuni aspetti:

Controllare le etichette

Ogni capo di abbigliamento prevede una particolare composizione di tessuto, il quale potrà essere lavato in base alle indicazioni del fornitore.

Quindi prima di inserire i panni in lavatrice potrà essere utile controllare le etichette presenti.

Dividere i panni colorati dai bianchi

Un’attenzione particolare deve avvenire quando si effettuano particolari lavaggi in lavatrice, come nel caso dei panni colorati.

Infatti è fondamentale dividere i capi bianchi da quelli che hanno colori diversi, in modo da evitare che questi possano macchiare e rovinare la luminosità di altri tessuti.

Controllare tutte le tasche

Una volta suddivisi i panni, l’altro passo da seguire è quello di verificare se nelle tasche dei pantaloni, felpe o di un giubbotto, siano presenti oggetti.

Spesso si dimentica di effettuare questa verifica, trovandosi poi con il cestello pieno di pezzi di carta di un fazzoletto, oppure con il filtro otturato.

Dividere i capi i base allo sporco

Ultima considerazione riguarda la preparazione dei panni, suddividendo i capi più sporchi dai restanti. Un buon consiglio è anche quello di dividere il lavaggio degli indumenti intimi dai restanti vestiti.

come leggere le etichette degli indumenti

Lavaggi lavatrice: caricare l’apparecchio e sceglier il programma

Come fare il bucato in lavatrice?

Una volta pronti i panni, sarà necessario caricare il cestello rispettando la capienza predisposta dalla casa costruttrice.

Rimane fondamentale evitare di sovraccaricarlo con una quantità eccessiva.

Sarà necessario valutare il programma più adatto.

La lavatrice dà la possibilità di selezionare diverse tipologie di temperature e soprattutto anche il tessuto specifico, ottenendo così un risultato ottimale senza doversi preoccupare di danneggiare le fibre.

Il prelavaggio è particolarmente indicato per i capi molto sporchi.

Infine è importante considerare anche la centrifuga finale, in modo da avere dei capi strizzati che si asciugheranno più velocemente.

L’igiene dei panni

Per ottenere il massimo risultato nei lavaggi in lavatrice, con capi puliti e privi di qualunque macchia, un ruolo fondamentale viene svolto dai sistemi e dai prodotti igienizzanti.

Oggi sono presenti diverse realtà per ottenere un bucato sicuro:

  • Prodotti naturali: sarà possibile impiegare detersivi creati in modo naturale, realizzati senza sostanze chimiche e inquinanti. Un esempio sono quelli fai-da-te, che combinano il bicarbonato e il succo di limone. Sono molto efficaci per eliminare le macchie e igienizzare i capi.
  • Detersivo commerciale: si potranno impiegare una vasta gamma di prodotti preconfezionati, scegliendo tra diverse tipologie di detersivi.
  • Acqua ozonizzata: una soluzione economica e molto vantaggiosa è quella di impiegare l’acqua ozonizzata, ottenuta grazie all’installazione di un ozonizzatore domestico.

Utilizzare l’acqua ozonizzata nei lavaggi in lavatrice

L’ozonizzatore è un apparecchio di piccole dimensioni, che può essere comodamente applicato al di sopra della lavatrice o alle sue spalle.

Ma come funziona questo strumento?

Il meccanismo prevede un processo attraverso cui l’acqua passa forzatamente al suo interno, venendo così arricchita di un gas naturale come l’ozono. In questo modo acquisisce una percentuale maggiore di ossigeno.

Il liquido, che sarà impiegato per i lavaggi in lavatrice, sarà carico di particelle di ossigeno, che intervengono direttamente sui tessuti.

Grazie all’ozonizzatore domestico si avrà una completa sicurezza che i panni siano perfettamente igienizzati.

La carica aggiuntiva di ossigeno permette di eseguire un lavaggio a temperature più basse, con la certezza di non danneggiare i tessuti dei capi di abbigliamento.

Non indifferente rimane anche il risparmio economico.

Infine i lavaggi lavatrice, con un ozonizzatore domestico, permettono anche di diminuire l’utilizzo di detersivi. Ne risulta un massimo rispetto per l’ambiente e un minor costo sul bilancio familiare.

acqua ozonizzata per il lavaggio dei tuoi vestiti

Ozonizzatore domestico Igenial

Eseguire dei lavaggi lavatrice, con la sicurezza di un bucato igienizzato e con la massima pulizia dei propri capi di abbigliamento, si può!

Affidandosi a Igenial, l’ozonizzatore domestico made in Italy , la pulizia dei capi non sarà più un problema.

 

Lascia un commento