lavare i tappeti in lavatrice con acqua ozonizzata

Lavare tappeti in lavatrice quello che c’è da sapere

Oltre a magliette, pantaloni, vestiario e indumenti intimi si possono anche lavare tappeti in lavatrice.

Seguendo una serie di indicazioni si otterà un risultato ottimale e si avranno tappeti perfettamente igienizzati e pronti per riprendere il loro posto in casa.

Lavare tappeti in lavatrice è possibile

Il fattore igiene quando si possiede un tappeto non può essere sottovalutato.

Il tappeto viene posizionato in terra e questo porta ad un accumulo di polvere e di sporco che richiede un lavaggio in lavatrice.

Prima di inserire i tappeti in lavatrice è importante prima effettuare una pulizia con un battitappeto e smacchiare i punti che presentano delle macchie con del sapone di Marsiglia.

Un altro problema è rappresentato dalla presenza di acari, che in molti casi si annidano al suo interno.

Quali tipi di tappeto si possono lavare in lavatrice

I tappeti sono realizzati con materiali differenti.

Il lavaggio fai da te può essere svolto per quelli in spugna, ad esempio come i tappeti da bagno, e quelli in fibra di cotone, od in ciniglia.

Anche i tappeti realizzati con microfibra di poliestere possono essere lavati in lavatrice.

Invece non è consigliato lavare in lavatrice i tappeti persiani ed altri simili per evitare che subiscano dei danni.

Non è possibile lavare in lavatrice i tappeti che si usano comunemente in cucina, in quanto nella maggior parte dei casi hanno la parte inferiore in plastica che potrebbe quindi subire dei danni.

Quando si lavano i tappeti in lavatrice è consigliabile non inserire nello stesso lavaggio altre tipologie di vestiario, anche per le differenti temperature di lavaggio dei tappeti

Lavare i tappeti in lavatrice-spugna e poliestere

Come lavare tappeti in lavatrice

Se il tappeto è del tipo a pelo lungo, prima di iniziare la fase di lavaggio in lavatrice si deve controllare che i peli siano attaccato in modo saldo al tessuto, tirandoli in alcuni punti della superficie del tappeto stesso.

Dopo di questo, verificare la capienza della vostra lavatrice e procedere piegando il tappeto stesso con il sistema “a fisarmonica” che consente di effettuare un migliore lavaggio.

Inizia cosi la fase di lavaggio verificando prima l’etichetta del nostro tappeto che ci indicherà il tipo di lavaggio consigliato e la temperatura, in quanto potrebbe rovinarsi.

Sconsigliata la centrifuga.

Dopo aver effettuato il lavaggio il tappeto deve essere asciugato e per chi possiede una asciugatrice si consiglia di usarla, sempre che il materiale lo permetta.

Se non si dispone di una asciugatrice , posizionare il tappeto all’aria aperta su uno stendino o in una superficie piana e attendere la sua asciugatura che potrà avvenire anche in 24 e le 48 ore.

Lavare tappeti in lavatrice è igienico

Svolgere l’operazione di lavare i tappeti in lavatrice garantisce l’igiene del tappeto stesso, grazie all’eliminazione dei batteri che si ottiene grazie all’uso sia di temperature di lavaggio adeguate.

Nello stesso tempo è necessario che la lavatrice dove si effettua il lavaggio dei tappeti sia utilizzata nel modo corretto.

Uva volta effettuato un lavaggio dei tappeti in lavatrice è consigliabile provvedere ad effettuare un ciclo di lavaggio a vuoto, che elimini tutti i possibili germi rimasti e consentire così di disinfettare la lavatrice.

Non dimentichiamo di effettuare anche un controllo dello scarico dell’impianto della nostra lavatrice nel caso il tappeto fosse stato particolarmente sporco.

Lavare tappeti in lavatrice - igiene e salute

Lavare i tappeti in lavatrice con IGENIAL

Oggi è possibile lavare i tappeti in lavatrice con lo ozonizzatore IGENIAL .

Una scelta azzeccata in quanto IGENIAL è in grado di lavare e igienizzare non solo tutti i capi di vestiario ma anche i tappeti, senza l’utilizzo di prodotti detergenti e ammorbidenti.

Inoltre si possono ridurre i consumi di energia elettrica dati i minori tempi di lavaggio, ottenendo comunque una ottima sanificazione.

L’acqua ozonizzata prodotta da IGENIAL rappresenta una alternativa anche agli ammorbidenti, in quanto evita che all’interno della lavatrice si formi elettricità statica che è responsabile sia dei “panni duri” che di superfici poco piacevoli al tatto.

Grazie all’ozono si ottiene anche un ottimo impatto sull’ambiente che ci circonda.

Lascia un commento